Hangar21: tre manager under 35 aprono a Milano un polo tecnologico per la produzione multimediale

Già da qualche anno il mondo del lavoro non lascia ai giovani la possibilità di emergere con semplicità. Da quando poi ci troviamo irretiti in quella che è la più grande pandemia del secolo, le difficoltà lavorative sono ancora più accentuate, ancora più difficili da superare. Nella crisi però c’è sempre qualche elemento che brilla, qualche persona che sa sfruttare a suo vantaggio gli ostacoli per riuscire a mettersi sulla strada del successo. 

È quello che hanno fatto tre manager under 35, che l’8 marzo 2021, ad un anno dall’inizio della pandemia, hanno deciso di aprire a Milano Hangar21, un polo tecnologico dedicato alla produzione multimediale, il più innovativo di tutta Italia, il più completo in assoluto. Questo è un luogo progettato per riuscire a far diventare realtà ogni idea di contenuto digitale e creativo, progettato per far sì che la cultura digitale possa crescere, diffondersi. 

Hangar21: le caratteristiche di quella che viene già definita come la casa dei talenti

Hangar21 si trova in via Tortona 27, nel cuore del Fashion District milanese e del Salone del Mobile. È uno spazio molto ampio, di oltre 1000 metri quadrati, dove sono presenti sale di registrazione per la realizzazione di video digitali e per i podcast, con ovviamente regia per streaming e post produzione. Sono poi presenti sale posa per shooting fotografici professionali di alto livello, nonché un roof di ben 300 metri quadri da utilizzare per scenografie e per eventi all’aperto. È presente poi anche una sala riunioni, una zona per il relax e un bar. 

 
Uno spazio di questa tipologia è perfetto per molte diverse tipologie di figure professionali. Pensiamo agli influencer, siano essi micro o macro, agli artisti digitali e ai web creator, ma anche ai musicisti, agli ambassador, agli sportivi, a tutti coloro che proprio sul digitale hanno costruito il loro business, a chi organizza eventi online. Anche le aziende e molte associazioni possono trovare in questo spazio il luogo ideale per sviluppare i loro progetti digitali, progetti che ormai vengono scelti da realtà di ogni genere per la pubblicità, per restare sempre connessi con i loro clienti, per riuscire a sbaragliare la concorrenza e rendere migliore la prorpia reputazione online. 

Alle spalle di Hangar21 

Alle spalle di Hangar21 c’è TMP Group, media company internazionale specializzata proprio in comunicazione digitale. TMP Group nasce nel 2012. Nel corso degli anni è cresciuta sempre più, una crescita la sua che è stata esponenziale negli ultimi due anni. Nonostante le crisi e la pandemia, ecco infatti che TMP Group è riuscita ad ottenere un fatturato di oltre 3 milioni di euro. I ricavi solo negli ultimi 12 mesi sono cresciuti del 27% e il numero dri clienti del 169%. Si tratta di una realtà che nel corso del tempo è riuscita ad allacciare collaborazioni con alcuni grandi nomi a livello internazionale, come, giusto per fare alcuni esempi, IBM, TIM, Red Bull, Lavazza, Confindustria, L’Oreal, Microsoft. TMP Group ha deciso di investire in Hangar21 ben 700 mila euro, consapevole che è la comunicazione digitale il nostro futuro. 

Hangar21 è composto da oltre 30 dipendenti e altrettanti collaboratori. Doveroso ricordare che si tratta di personale davvero molto giovane, 30 anni di età in media. Altrettanto doveroso ricordare che più della metà di questi giovani sono donne. A capo di questo immenso team, i tre manager under 35 a cui abbiamo poco fa accennato: Roberto Rosati, 33 anni; Davide Maestri, 34 anni; Margherita Leder, 26 anni. 

I tre giovani under 35 a capo di Hangar21

Roberto Rosati è Amministratore Delegato di TMP Group. Ha alle spalle un’esperienza di oltre 10 anni nel settore dell’experience marketing. Si è specializzato soprattutto in eventi sportivi di alto livello, come ad esempio l’Olimpiade Invernale del 2006. Nel 2015 ha fondato insieme ad altri professionisti Eventitalia Network e nel 2018 Sportellence. È di recente entrato nella Commissione comunicazione nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria. 

Davide Maestri è il Direttore Generale di TMP Group. Ha assunto sulle sue spalle una grande esperienza come manager per il settore digitale, lavorando in realtà di fama internazionale, vere e proprie multinazionali. È un manager che sa gestire gruppi di lavoro senza alcuna difficoltà, che sa costruire strategie ad hoc per ogni progetto digitale, che sa sviluppare al meglio l’identità di un brand.

Margherita Leder infine è la Direttrice Operativa di TMP Group. Under 30, è la rappresentante italiana in Europa nell’ambito della tecnologia blockchain in International Association of Trusted Blockchain Applications.

Nonostante siano così giovani, vantano un curriculum vitae di tutto rispetto e hanno alle spalle già oltre 10 anni di esperienza e posizioni manageriali che li rendono perfetti per portare avanti un progetto tanto ambizioso.

Be the first to comment on "Hangar21: tre manager under 35 aprono a Milano un polo tecnologico per la produzione multimediale"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*